Studio Comm festeggia 10 ANNI di attività – Uguale è Diverso

Direzione generale

CONDIVI ARTICOLO


Siamo stati aggiunti in staff al cda di una media azienda (oltre 10 milioni di euro di fatturato) al fine di coordinare il consiglio di amministrazione e di essere il riferimento tra il cda e i responsabili delle arre aziendali, con il compito di assicurarsi che le direttive del cda venissero eseguite dai dirigenti.

Il nostro intervento ha interagito con le diverse aree aziendali in particolare Amministrazione e Finanza e produzione, sovrintendendo alla gestione amministrativa e contabile, definendo i budget economico – finanziari. Una volta stabiliti i metodi di lavoro, abbiamo effettuato un’attività di reporting e monitoraggio dei risultati. Per l’area Operation abbiamo supervisionato alla gestione degli acquisti, della produzione e della logistica interna, abbiamo stabilito i metodi di lavoro, effettuato un’attività di reporting e monitoraggio dei risultati. Ci siamo rapportati alla direzione aziendale e interagito con gli istituti di credito, il personale amministrativo e con i consulenti esterni, con l’ufficio tecnico, il responsabile della programmazione della produzione e i referenti dei diversi reparti produttivi e del magazzino.

Esempio di programma e tempistica di realizzazione

Prima fase (SETTEMBRE – OTTOBRE)

AzioneObiettivi
Analisi della situazione attualeConoscere i processi operativi in uso, abitudini, limiti ed opportunitàVerificare il flusso informativo, i dati disponibili e il sistema di gestione (software, procedure, documenti, ecc.)
Individuazione delle figure di riferimentoAnalisi delle mansioni e delle aspettative del personale esistente, verificandone la sintonia con le future necessitàPrevedere eventuali piani formativi e/o di aggiornamento
Costruzione dell’organigrammaFormalizzare ruoli, obiettivi e responsabilità
Aree di intervento ed azioniRilevazione degli aspetti critici e degli interventi necessari
PropostaFormalizzazione del piano d’intervento, delle figure di riferimento e verifica della coerenza con gli obiettivi strategici
ValutazioneIndicazione delle necessità utili alla realizzazione delle diverse azioni previste

Al termine di questa prima fase sarà necessaria un’approvazione formale da parte della direzione aziendale rispetto alle azioni da intraprendere nella seconda fase dell’intervento.

Seconda fase   (NOVEMBRE – MARZO)

AzioneObiettivi
Definizione dei KPIIndicatori di risultato per le aree di intervento:  amministrazione – finanza e controllo,  ciclo produttivo e controllo dei costi di produzione, ottimizzazione degli acquisti e delle giacenze di magazzino
Pianificazione delle azioniScelta delle attività prioritarie da cui iniziare
Gestione operativaAvvio delle azioni operative nelle diverse aree di intervento
Analisi dei risultatiVerifica dei risultati a seguito delle azioni intraprese
Azioni correttiveMessa in atto di eventuali aggiustamenti e taratura del progetto di intervento

Al termine di quest’ultima fase operativa il team, assieme al management, effettuerà un analisi a consuntivo sui possibili scostamenti che emergeranno da questo progetto. Verranno individuate le variabili che hanno contribuito al raggiungimento o meno degli obbiettivi aziendali, posti durante la prima fase.

AFFIANCHIAMO IMPRENDITORI E AZIENDE NELLA GESTIONE STRATEGICA E FINANZIARIA
PARTIAMO DAL VOSTRO PUNTO DI VISTA E VI ACCOMPAGNIAMO VERSO NUOVE PROSPETTIVE
= è ≠